Banane Bio o prugne con pesticidi?

Meglio mangiare banane biologiche che provengono dall’altra parte del pianeta, oppure frutta italiana ma coltivata a suon di pesticidi?

banana-trees-289022372Le banane sono un frutto oggi comunissimo e presente su tutte le tavole italiane pur essendo un frutto che nasce e viene coltivato nei pesi caldi dalla Costa Rica al Kerala, consumarle in Italia vuol dire far fare a queste banane migliaia di chilometri per via aerea o in nave con conseguente consumo di materie prime e inquinamento atmosferico. “Le banane sono tra i frutti più consumati al mondo. Tuttavia, i coltivatori di banane ricavano esigui guadagni. Per questa ragione le banane sono disponibili come articoli del commercio equo in alcuni stati.”(wiki) Quindi quelle acquistate non Biologiche e senza marchio Faritrade, Equosolidale o Altromercato sfruttano pure i coltivatori. No grazie!

Scegliamo allora un frutto autoctono come le prugne così non inquiniamo con il trasporto tanto quanto le banane e non sfruttiamo i lavoratori delle piantagioni, ma se scegliamo un prodotto non Biologico andiamo incontro ad un’altra serie di problemi che stavolta causiamo all’ambiente e a noi stessi (inquinamento delle falde acquifere, sterilizzazione del suolo, scomparsa di molte specie appartenenti sia alla flora che alla fauna e per quanto riguarda la salute penso che nessuno vorrebbe condire la propria insalata con del Glifosato, o con un altro veleno)

Che fare…

Forse la risposta miglior sarebbe “Meglio l’albero di prugnoli selvatici cresciuto spontaneamente dietro casa!”37397515_10215244868468415_2904221911636508672_n

Già, ma purtroppo poche sono le persone che hanno piante selvatiche intorno a casa, poche sono le persone che si prendono il tempo di andarle a cercare e a raccogliere i loro frutti, poche sono le persone che si accontentano dei gusti “antichi” piuttosto di quelli “raffinati” che l’industria alimentare oggi ci propone.

Si può adottare una giusta misura tra gola e salute, e tra inquinamento e km0. Comprare frutti tropicali solo Biologici e da commercio Equo e Solidale OGNI TANTO, comprare frutta autoctona SOLO DI STAGIONE così da limitare i trattamenti chimici fatti sulla pianta (e il corpo ringrazia perchè è inutile nutrirlo con frutta e verdura fuori stagione come i pomodori d’inverno, il cavolo d’estate…) e magari proveniente da piccoli contadini invece che dai supermercati che trattano con grandi coltivatori che badano più al profitto che al benessere delle loro piantagioni (e di conseguenza alla qualità del prodotto che vi daranno da mangiare!)

Prendiamoci il tempo per valutare una scelta consapevole, ciò che portiamo in tavola è ciò che andrà a costituire le nostre cellule e quindi a determinare la nostra salute.

“La giustizia è scegliere il cibo giusto, altrimenti saremo selezionati da Dio per riempire gli ospedali.”

Dott. Franco Berrino già direttore del Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva dell’Istituto Nazionale dei tumori di Milano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close