Testimonianze


Altre testimonianze di persone che hanno provato la Settimana Consapevole:.

Ferruccio Liguori

“Ciao Elisa,ben tornata tra noi. Sei sempre carina e sorridente ed è un piacere rivederti. Volevo dirti che alla mia prima settimana consapevole si erano accodate anche mia moglie Antonietta e mia figlia Giusy e che alla fine siamo rimasti tutti soddisfatti. Ora che tu ci hai aperto gli occhi, noi tutti stiamo sempre attenti a quello che mangiamo, infatti tutti e tre abbiamo eliminato lo zucchero, le farine raffinate, gli insaccati (prosciutto, salame etc), tutti i prodotti industriali contaminati con le solite schifezze, l’alcol in generale e nessuno di noi sta fumando. In compenso cerchiamo di muoverci il più possibile, mia moglie il pane lo fa lei in casa con le giuste farine, cerchiamo di comprare frutta e verdura biologica e da oggi usiamo l’olio extra vergine di oliva (vera spremuta di olive) che mi sono fatto mandare dal mio paese (Bovino-Fg-) da miei amici che lo producono al naturale, perché quello dei supermercati non ci andava più giù, anzi andava ” su”. Io sto bene e spero sempre di migliorare il mio stato fisico. Peso Kg 68.600 e sono alto 1.70. Faccio regolarmente la colazione mattutina includendo anche un frutto ed un po di frutta secca ed escludendo lo zucchero. Ho notato che anche mia moglie sta perdendo un po di peso ma molto lentamente, come me del resto, e dice di sentirsi meglio da quando ha iniziato a nutrirsi in modo consapevole e tutto questo grazie a te ed ai tuoi consigli. Mia figlia Giusy ha detto che ora in casa nostra si mangia meglio e quindi anche per lei è tutto ok. Cosa dirti ancora? Grazie di avermi citato in questo tuo video e se continuo così, mi chiameranno anche al “Grande Fratello”. Ti abbraccio con affetto e riconoscenza. Ariciao.

✌️✌️✌️✌️✌️✌️✌️✌️✌️✌️✌️


Lisa Maglio e figlia

“Buonasera Elisa, la nostra settimana consapevole giunge al termine. È andata bene sia per me che per mia figlia anche se lei ha sgarrato sui dolci in qualche uscita con le compagne di scuola. È stata sicuramente impegnativa in quanto ci siamo dovute cimentare nella spesa leggendo le etichette e cercando di capire il contenuto soprattutto dei prodotti confezionati e nel cercare il meglio al minor prezzo nei supermercati della zona. È stata anche impegnativa anche perché ho cucinato molto, ho fatto sempre io il pane integrale che tra l’altro è stato apprezzato da tutta la famiglia, ho preparato insalate di legumi,  paste fredde utilizzando prodotti bio e alternativi al grano come il farro, ho preparato anche lo yogurt.  Io e Sofia abbiamo scoperto i ceci che ci sono piaciuti tantissimo in insalata con zucchine e patate e cipolle e nella farinata. Ovviamente anche la pizza del sabato è stata fatta con farina integrale ed é piaciuta a tutti. Per dolcificare abbiamo utilizzato li zucchero di canna integrale. Abbiamo fatto delle sostanziose colazioni con una muesli fatta al momento con yogurt fiocchi d’avena frutta secca e fresca e zucchero integrale. Non abbiamo mai usato la soia in quanto in passato utilizzandola ho avuto una reazione cutanea e non ho voluto riprovare.

Ci sono dei prodotti che continuerò a comprare sempre per la qualità e per la bontà. Prima di tutto l’olio biologico, non credo che riuscirò a tornare indietro e comprare gli oli in offerta, poi le patate e le cipolle bio, hanno una consistenza e un sapore eccezionale idem i legumi e il latte.  Sicuramente proseguiremo con altre settimane. Volevo rivolgermi poi ad una nutrizionista per elaborare una dieta adeguata ai miei ritmi (purtroppo per il mio lavoro a mezzogiorno mangio sempre un panino davanti al pc), in questa settimana ho sostituito con yogurt e fiocchi di latte.

Volevo ringraziarti per questa iniziativa e a presto.

Erika Secchi

Ho iniziato la Settimana Consapevole perchè ultimamente avevo vari disturbi come gonfiore ed intestino irritabile… cosi parlando con Elisa ho deciso di provare questa nuova alimentazione.

Temevo che dopo due giorni avrei ceduto visto la mia dipendenza da zuccheri invece ho retto alla fine della settimana ho ottenuto uno stato di benessere generale, sia fisico (il mio intestino è finalmente regolare) e mentale

Ho riscoperto una super energia all’interno del mio corpo cosi ho deciso di continuare e tutt’ ora seguo le indicazioni della Settimana Consapevole!

Direi che non abbandonerò più queste buone abitudini e mi sento di poter consigliare a chiunque di provare la Settimana Consapevole.

Per ritrovare il proprio benessere……


giulioMarina

Marina Vezzani – Giuliano Reverberi

“Ho iniziato la Settimana Consapevole con mio marito Giuliano quando i suoi esami del sangue hanno mostrato picchi elevati di colesterolo e di glicemia.

Sapevo già della Settimana Consapevole perchè una parente mi aveva parlato di come poter stare meglio fisicamente mediante un’alimentazione corretta.

La cosa più faticosa è stato far la spesa leggere le etichette sulle confezioni dei prodotti ma ne è valsa la pena. La mia acidità di stomaco è sparita e mi sento più energica. Giuliano ha visto scomparire una psoriasi che curava da anni con cortisonici e creme! Inoltre ha riacquistato un’energia che pensava di non aver più.

Adesso non facciamo più la Settimana Consapevole ma il Mese! Infatti mangiare integrale, più verdura, cereali, legumi è diventata la normalità come aver eliminato salumi, formaggi ,latte e la farina bianca.

Io e Giuliano dobbiamo ancora limare qualche punto più faticoso per noi ma siamo sulla strada giusta. Consiglio di provare la Settimana Consapevole anche alle persone che non hanno problemi di salute perchè è una vera ricarica di energia e inoltre si scoprono nuovi e gustosi sapori.”


28468383_10156170368048518_1132307486474996270_n

Jasmina Bruno

“Mi piacciono le sfide, specie quelle che faccio a me stessa per superare i miei limiti. Questo è stato il motivo principale che mi ha spinto a provare la “Settimana Consapevole” o “Settimana Santa” :).

Da persona onnivora e, soprattutto, golosa devo dire che la prima settimana è stata particolarmente difficile. In piedi davanti allo scaffale del supermercato ho trascorso molto tempo a leggere le etichette dei vari prodotti che avrei voluto prendere ma che, per un ingrediente bandito o per un altro, non potevo mangiare. Così ho trascorso la prima settimana mangiando esclusivamente riso integrale, insalata e frutta. Una noia bestiale.

Molto meglio le settimane successive. Grazie ai consigli di Elisa (la promotrice della settimana consapevole) e alle ricette rubate da qualche sito di cucina vegana sono riuscita a rispettare i fondamentali della dieta senza rinunciare al gusto ma, soprattutto, riuscendo a soddisfare la mia fame insaziabile.

Risultati ottenuti fino ad ora? Aver ridotto notevolmente il consumo di carne, specie quella rossa, mi fa sentire più “leggera”. Nelle restanti settimane del mese mi oriento verso cibi che contengono esclusivamente farina integrale e ho aumentato in maniera considerevole il consumo di frutta e verdura. Mi sazio più velocemente, specie quando anticipo il pasto con delle verdure crude, sedano e carote principalmente, e questo ovviamente ha avuto un risvolto positivo nel confronto con la bilancia.

Le rinunce che credevo impossibili sono diventate facili, a dimostrazione che il nostro corpo si abitua facilmente alle novità, specie a quelle che fanno bene. A chi la consiglierei? A tutti, ma in particolar modo a chi vuole rimettersi in forma. In fondo sette giorni al mese passano velocemente e dopo due o tre mesi vi sembreranno addirittura pochi.


mamma

Maria Grazia Messori

“Mi chiamo Grazia, ho 61 anni e sono diabetica da 15 anni. Quando mi hanno proposto di fare questa Settimana Consapevole ho accettato perchè me l’hanno presentata non come l’ennesima dieta, ma come una disinfiammazione e disintossicazione del corpo, poi la prova era solo per una settimana al mese quindi anche mio marito, anche lui diabetico, ha voluto provare.

Con la patologia del diabete i farmaci purtroppo abbondano: uno per la pressione, uno per il colesterolo ecc.. ero arrivata a prendere 10 pastiglie al giorno (come mia madre ottantenne). Quindi le parole DISINFIAMMAZIONE e DISINOSSICAZIONE sono state la molla che mi ha fatto iniziare.

La prima settima è stata un po dura, non tanto per il cibo in sè, ma per imparare a fare la spesa leggendo tutte le etichette. Ci siamo accorti che lo zucchero bianco è ovunque anche in dosi minime, ma OVUNQUE! Ci siamo quindi presi il tempo di ricercare prodotti alternativi senza questo ingrediente.

La seconda settimana è andata un pò meglio perchè i prodotti “giusti” li conoscevamo e li avevamo già in casa, abbiamo quindi deciso di continuare così per tutto il mese magari concedendoci solo di uscire a cena con gli amici (ovviamente non durante la Settimana Consapevole). Così facendo riuscivamo a mantenere i chili persi, vediamo il fisico cambiare e STARE BENE, così bene che quando “sgarravamo” il fisico subito ci mandava segnali di disagio (acidità di stomaco per esempio) per dirci che quel cibo non lo voleva più.

Devo dire che oltre alla Settimana Consapevole cammino e faccio Yoga (mai fatto prima di iniziare questo percorso di benessere). In un anno ho perso 12 chili ma soprattutto ho tolto 4 pastiglie e la puntura che facevo per controllare il diabete: questa è DISINTOSSICAZIONE! 

Consiglio a chiunque di provare la Settimana Consapevole, anche a chi per sua fortuna non sta usando farmaci!

PS: non ho parlato di togliere fumo ed alcool perchè noi abbiamo smesso l’assunzione di queste sostanze tossiche già molto tempo fa.”


Silvia Immo

Silvia Immovilli

“Una sera prima di iniziare la pratica a Darshan Yoga ho sentito una persona parlare della Settimana Consapevole e dei benefici che ha avuto. Visto che era un periodo abbastanza lungo che avevo spesso problemi di stomaco come acidità, dolori, fatica a digerire qualsiasi cosa, ho pensato di provare e ho chiesto indicazioni ad Elisa su come cominciare. Devo dire che a fare la spesa mi sono divertita un sacco!! Trovare qualcosa senza zucchero è stata una vera impresa ma alla fine ho trovato tutto ed ho iniziato.

La prima settimana è andata bene, mi sentivo leggera e sazia e ho scoperto nuovi alimenti che mi piacciono tanto.

Finiti i primi 7 giorni, sono tornata alla normalità ma dopo qualche giorno sentivo la mancanza di alcuni cibi. Ora durante il mese faccio una selezione sul cibo, mi nutro alla vecchia maniera solo occasionalmente. Con alcuni cibi faccio più fatica perchè ne sono golosa, però riesco a trattenermi con meno fatica.

Poi continuo il mese successivo e  faccio un’altra Settimana Consapevole con regime al 100%. Devo dire che da quando ho iniziato questa esperienza non ho più avuto problemi di stomaco e mi sento bene.

Ho parlato ad alcune mie amiche di questa esperienza ed incuriosite ho preparato loro una cenetta a base di verdure e quinoa!! “


 papi

Viller Reverberi

“Ho iniziato la Settimana Consapevole perchè mia moglie e mia figlia mi hanno convinto che avrei potuto stare meglio!

Ho 63 anni, diabetico, sovrappeso.

Una sola settimana al mese di rigoroso controllo di ciò che mangio mi ha aiutato a perdere una decina di chilogrammi. Il successo maggiore però è stato il controllo del diabete con riduzione delle terapie mediche prescritte.

Sono diabetico ma mi sento meglio di 10 anni fa!

Ho impiegato un pò di tempo per abituarmi al sapore “nuovo” della pasta integrale ma poi ho scoperto un infinità di cibi e aromi diversi e che si può mangiare sano con gusto! 

Ora non è più solo una settimana al mese ma sono più attento alla qualità del cibo SEMPRE. In questo mi aiuta mia moglie che mi sprona al cibo sano ed al movimento, insieme abbiamo iniziato a praticare Yoga a 60 anni!”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close